domenica 4 febbraio 2018

Parigi, Amore E Altri Disastri - Recensione

Marta Savarino

Trama

"Nadia ha trent'anni, un lavoro impegnativo ma che le piace, una famiglia che le vuole bene e un problema: è innamorata del suo capo dal primo momento in cui l'ha visto e che ha respirato il suo profumo. Un giorno, però, decide di dare le dimissioni e allontanarsi da lui, Andrea. Ha già la lettera di licenziamento in mano pronta a essere consegnata quando l'uomo la sorprende invitandola a cena. Nadia accetta e finiscono con il passare la notte insieme. Quando al mattino si risvegliano nello stesso letto, Andrea la illude facendole credere di essere interessato ad avere una relazione con lei e le fa delle promesse che sa di non poter mantenere. Le dà un appuntamento a cui non si presenta e a questo punto Nadia, infuriata e sconvolta, dà davvero le dimissioni e lascia Torino per fuggire a Parigi dagli zii, dove è decisa a ricominciare una nuova vita lontana dal passato che l'ha ferita e, soprattutto, lontana da Andrea.
Per uno strano scherzo del destino però i due si incontreranno proprio a Parigi. Andrea, nel rivedere Nadia, capisce di aver sbagliato ad abbandonarla in quel modo e farà di tutto per riconquistarne la fiducia ma soprattutto il cuore, anche se non sarà un'impresa facile: Nadia è paranoica, a volte folle, cinica, sarcastica e con un cervello che proprio non vuole saperne di spegnersi un secondo. Tuttavia, Nadia ha ancora il cuore a pezzi e superare la diffidenza nei confronti di Andrea sarà tutt'altro che facile!"

Titolo: Parigi, Amore E Altri Disastri
Autore: Marta Savarino
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 244
Editore: Self-Publishing
Prezzo: 10,00 Euro
Tempo Di Lettura: 1 Giorno
tre stelle




________________________________

Lo sappiamo tutti che leggere romanzi rosa e chick-lit, non è mai stata la mia prima scelta, ma in questo caso, posso affermare che, nonostante le prime titubanze, la lettura di questo romanzo di Marta Savarino mi ha intrattenuta e divertita.

Ambientato tra Torino e Parigi, seguiremo le disavventure di Nadia. Trent'anni, spirito da teenager, soprattutto per quello che riguarda il modo di affrontare la sua vita amorosa. Ci racconta in prima persona il suo amore per Andrea, il suo capo nell'ufficio di Torino, il modo in cui soffre per lui dopo essere usata e poi abbandonata, come un accessorio passato di moda. 

Una girandola molto divertente di pensieri, piccole avventure e disavventure, dolci momenti e bizzarre situazioni, che in un modo o nell'altro si sono presentate nella vita di tutte le donne e di tutte le ragazze, in prima persona o nella vita delle proprie amiche.

Nadia ha la fortuna di avere vicino una famiglia affettuosa e comprensiva a Torino, e a Parigi una zia, Carla, e una cugina, Angelica, che la sosterranno, la guideranno e saranno sempre al suo fianco per consolarla, sostenerla, farla sorridere, ed aprirle gli occhi sulla propria vita. Loro saranno la sua ancora di salvezza, la spalla su cui piangere e i complici con cui ridere quando le sue paranoie saranno troppo pressanti.

Questa raccontata da Marta Savarino in "Parigi, Amore e altri disastri" è una storia gradevole, leggera, frizzante, senza impegno, da leggere in un pomeriggio, per spezzare lo stress ed immergersi in una lettura senza impegno. Unico appunto che devo obbligatoriamente fare è che questo libro contiene una media di una parolaccia a pagina. Chiamatemi bigotta, chiamatemi bacchettona. Ma credo che non sia necessario utilizzarne così tante, né per far sorridere il lettore, né per esprimere esattamente i pensieri della protagonista. 


xoxo Connor


Le frasi del libro che vorrei conservare

"Tu se fossi la protagonista di uno dei romanzi che mi piacciono tanto, penso che ti detesterei dalla prima all'ultima riga e spererei con tutto il cuore che il bel protagonista di turno ti mandasse a quel paese per una donna più sensata di te! Sei insopportabile, hai l'amore a portata di mano e tu..."



E-book


Foto by Connor

Disclaimer/Disclosure: Questo articolo è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari