giovedì 18 maggio 2017

Dentro L'Acqua - Recensione

dentro l'acqua paula hawkins libro

Sinossi

"Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell'Inghilterra, Julia Abbott è costretta a fare ciò che non avrebbe mai voluto: mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi, spezzati, confusi, a volte ambigui, l'hanno sempre tenuta lontana. Ma adesso che Nel è morta, è il momento di tornare.
Di tutte le cose che Julia sa, o pensa di sapere, di sua sorella, ce n'è solo una di cui è certa davvero: Nel non si sarebbe mai buttata. Era ossessionata da quel fiume, e da tutte le donne che, negli anni, vi hanno trovato la fine - donne "scomode", difficili, come lei -, ma mai e poi mai le avrebbe seguite.
Allora qual è il segreto che l'ha trascinata con sé dentro l'acqua? E perché Julia, adesso, ha così tanta paura di essere lì, nei luoghi del suo passato? La verità, sfuggente come l'acqua, è difficile da scoprire a Beckford: è sepolta sul fondo del fiume, negli sguardi bassi dei suoi abitanti, nelle loro vite intrecciate in cui nulla è come sembra."

Titolo: Dentro L'Acqua
Autore: Paula Hawkins
Formato: Rilegato
Pagine: 370
Editore: Piemme (2 Maggio 2017)
Collana: Varia
Prezzo: 19,50 Euro
Tempo Di Lettura: 4 giorni
tre stelle e mezza



________________________________

Secondo romanzo dell'autrice Paula Hawkins, che dopo il grandissimo successo de "La Ragazza Del Treno", pubblica un altro thriller attesissimo dai lettori e dalla critica.

Siamo in Inghilterra, nel piccolo villaggio di Beckford, dove tutti gli abitanti si conoscono e dove intrecci di vite, segreti ed intrighi si aggrovigliano nascosti sotto un'apparente quieta convivenza. Da qualsiasi posto del villaggio, non importa quanto nascosto possa essere, si ha sempre una vista del fiume, questo fiume che da tempo immemore ormai ha dato origine a storie e leggende che continuano ad essere alimentate da una serie di suicidi. Questi suicidi avvengono tutti nello Stagno Delle Annegate e non trovo parole migliori di quelle di Jules (uno dei personaggi narranti del libro), per descrivere lo stagno e il fiume.
"Lo Stagno delle Annegate. E' un nome bizzarro, ma che ha il suo peso. Che cos'è, in fondo? E' solo una pausa nel corso tumultuoso dell'acqua. Un'ansa. Ci arrivi seguendo il fiume e le sue mille deviazioni, le sue curve, i tratti i cui si gonfia ed esonda, dando la vita e togliendola, anche. Prima è freddo e limpido, poi diventa stagnante e limaccioso; serpeggia attraverso i boschi fitti di alberi, taglia come una lama le Cheviot Hills e solo allora rallenta, appena a nord di Beckford. E' lì che si riposa, soltanto per un po', allo Stagno delle Annegate. E' un angolo di Paradiso...Ma l'apparenza è ingannevole, perché quello è un posto di morte. L'acqua scura e vitrea nasconde il fondo: alghe che ti si attorcigliano alle caviglie e ti trascinano giù, rocce appuntite che ti lacerano la pelle. E lassù a picco, il promontorio, una roccia di ardesia grigia: quasi una sfida, una provocazione. 
Beckford era il luogo in cui Nel e Jules andavano in vacanza nella loro infanzia, nella loro vita da adulte hanno poi fatto due scelte opposte: Nel ha deciso di trasferirsi a vivere proprio lì, mentre Jules vuole cancellare dalla sua memoria tutto ciò che è legato a quel luogo. Nel corso del libro ci saranno dei flashback in cui attraverso il racconto della stessa scopriremo cosa l'ha portata ad odiare quei tempi e quei luoghi.
Nel era affascinata dal fiume che sembrava avere un legame indissolubile con le donne di Beckford, ed era diventata una figura "scomoda" per molte persone del posto perché aveva deciso di creare un progetto per le storie legate allo Stagno delle Annegate.

Inizialmente nella lettura ci si potrebbe trovare un po' spaesati a causa del continuo cambio di narratore, ce ne sono ben 11, alcuni in prima persona, altri in terza persona, ma ben presto grazie allo stile sapiente dell'autrice, leggere diventa subito molto scorrevole e si entra in men che non si dica nel pieno della storia. Enigmatici personaggi incroceranno la strada del lettore che rimarrà per tutta la durata del romanzo con la giusta dose di tensione e a volte paura, fino a giungere all'ultima pagina, all'ultima riga, per un finale sorprendente.

Mistero e suggestione aleggiano come una nebbia fitta tutto intorno a questo fiume, e pagina dopo pagina ci si trova a scoprire nuovi misteri e nuovi dettagli sinistri sui destini disgraziati delle donne che sono morte nelle sue acque. Improvvisamente ci si trova davanti ad una piccola comunità formata da pedofili, assassini, bugiardi, violenti e traditori. E' possibile o sono solamente le malelingue degli invidiosi del villaggio? Sono solamente i vaneggiamenti di una vecchia signora che ha perso il senno?

xoxo Connor

Acquista il libro su Amazon!

     

                                      E-book             Cartaceo

Foto by Connor

Disclaimer/Disclosure: Questo articolo è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale. 

8 commenti:

  1. Non è il mio genere ma sembra una bella lettura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è stata un'esperienza di lettura molto bella Susy. Vorrei recuperare il suo primo libro "Laragazza del treno". Sono proprio curiosa di leggerlo!
      xoxo

      Elimina
  2. Ciao! Questa lettura sembra davvero interessante! Non è il mio genere, ma sicuramente riuscirebbe a conquistarmi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra cosa bella di questo libro è la grande quantità di personaggi femminili, tutti con personalità molto diverse tra loro, ma strutturate molto bene.
      xoxo

      Elimina
  3. Undici punti di vista? Cavoli °o° non ho mai letto niente di questa autrice, comunque mi incuriosisce :3 prima o poi...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non avevo il suo primo libro "La ragazza del treno", ora vorrei recuperarlo!
      Sì ci sono ben undici personaggi narranti, ma è molto scorrevole.
      xoxo

      Elimina
  4. Gli undici punti di vista mi incuriosiscono e mi scoraggiano allo stesso tempo, però credo che darò un'opportunità al romanzo, anche se preferirei leggere prima il famosissimo La ragazza del treno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le undici voci narranti sono tante sì, ma riescono a costruire la storia in modo molto scorrevole. Inoltre l'autrice è stata molto brava a crearli, sono tutti diversi, e anche il loro modo di narrare è diverso l'uno dall'altro!
      Ora sono molto più incuriosita di leggere La ragazza del treno! ;)
      xoxo

      Elimina

Post più popolari