giovedì 29 novembre 2012

Warm Bodies - Recensione


Sinossi

"R è uno zombie in piena crisi esistenziale. Cammina per un'America distrutta dalla guerra, segnata dal caos e dalla fame dissennata dei morti viventi. R, però, è ancora capace di desiderare, non gli bastano solo cervelli da mangiare e sangue da bere. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, la sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, eppure dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un universo pieno di meraviglia e nostalgia. Un giorno, dopo aver divorato il cervello di un ragazzo, R compie una scelta inaspettata: intreccia una strana ma dolce relazione con la ragazza della sua vittima, Julie. Un evento mai accaduto prima, che sovverte le regole e va contro ogni logica. Vuole respirare, vuole vivere di nuovo, e Julie vuole aiutarlo. Il loro mondo però, grigio e in decomposizione, non cambierà senza prima uno scontro durissimo con..."

Titolo: Warm Bodies
Autore: Isaac Marion
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 270
Editore: Fazi Editore (Ottobre 2011) 
Collana: Lain 
Prezzo: 14,50 Euro 

Tempo di Lettura: 3 giorni

________________________________


La scorsa settimana sono andata a fare un giro da Feltrinelli per dare un'occhiata e farmi un'idea per i prossimi regali di Natale. Visto che ci stavo ho provato a chiedere se era disponibile il libro che da un po' è in cima alla mia book wishlist e magia l'ho trovato! E in men che non si dica me lo sono divorato.

Il libro in questione è "Warm Bodies" ed è il libro d'esordio dell'autore Americano Isaac Marion.


Di cosa parla questo libro? Ambientato negli Stati Uniti in un periodo in cui la civiltà non è più come la conosciamo noi, ma i vivi si radunano in comunità organizzate ed asserragliate per difendersi dagli zombies.
Tra questi zombies c'è R che ha preso coscienza di se stesso e che ad un certo punto della sua esistenza entra in contatto con una ragazza viva che risveglia in lui la voglia di vivere di nuovo e smettere di dipendere dagli orridi bisogni zombie che lo hanno guidato fino a quel momento, ma non riesce più a sentire odori, sapori, dolore fisico... la volontà di cambiare sembra portare da nessuna parte, ma è proprio qui che inizia tutto il bello della storia. R non riesce più ad esprimersi con facilità ma i suoi pensieri sono chiari in lui e da questi prova ad attingere la forza per far battere di nuovo il suo cuore atrofizzato.
A questo punto devo ripetere ciò che è stato già scritto su questo romanzo perché non posso trovare idee alternative per dire che l'autore scrive queste pagine con ironia, con profondità, sono toccanti e inevitabilmente ci si affeziona al personaggio principale, sì a lui, ad uno zombie.

Un romanzo che ci fa venire voglia di prenderci cura del nostro intelletto, della nostra anima e del mondo in cui viviamo. Perché ne vale la pena, perché non c'è niente di più bello che essere vivi e nutrire la nostra anima affinché non sia arida di sentimenti. Vi presento R e vi lascio il trailer del film che ha il titolo omonimo, tratto dal libro, e che uscirà nel prossimo Febbraio 2013 ed ha gli stessi produttori della saga di Twilight... credo abbia una bella colonna sonora.




Le frasi del libro che vorrei conservare

"C'è un abisso tra me e il mondo al di fuori di me. Un gap così grande che i miei sentimenti non possono attraversarlo. Nel tempo che impiegano ad arrivare dall'altra parte, le mie urla si riducono a semplici mormorii."

"Mi metto una mano sul petto, sopra il cuore. Il mio "cuore". Questo organo pietoso rappresenta ancora qualcosa? Giace immobile nel mio petto, senza pompare una goccia di sangue, totalmente inutile, eppure i miei sentimenti sembra non abbiano smesso di nascere tra le sue gelide pareti."

xoxo Connor



Foto by Connor

Disclosure: Questo prodotto è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari