sabato 6 ottobre 2018

Un Vicino di Casa Quasi Perfetto - Recensione

un vicino di casa quasi perfetto

Trama

"Shadow Cove, nello stato di Washington, è il tipo di città che tutti sognano: strade pittoresche, foreste lussureggianti e piacevoli vicini di casa. Questo è ciò che Sarah ha sempre pensato, insieme al marito, il dottor Johnny McDonald. Ma troppo presto scopre che sotto l'apparente tranquillità quella cittadina da sogno non è così ordinata e quieta e i suoi abitanti sembrano avere qualcosa da nascondere… 
Una sera di ottobre, mentre il marito è lontano per lavoro, una tragedia improvvisa manda in frantumi il suo mondo. Distrutta dal dolore, mentre è intenta a rimettersi in piedi, Sarah scopre un segreto scioccante che la costringe a dubitare di tutti coloro che le stanno accanto, i suoi concittadini come i suoi amici e persino qualcuno di ancora più vicino…

Una stupefacente rivelazione e un finale impossibile da intuire fanno di questo romanzo uno dei thriller psicologici dell’anno."

Titolo: Un Vicino Di Casa Quasi Perfetto
Autore: A.J. Banner
Formato: E-book
Pagine: 252
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: 3,99 Euro
Tempo Di Lettura: 2 Giorni
due stelle e mezzo



________________________________

Come ogni bellissimo thriller che si rispetti, anche questo romanzo, sin dall'inizio, coinvolge in una spirale di avvenimenti, che con un graduale innalzamento della tensione, incolla il lettore alle pagine fino alla conclusione finale. Ma c'è qualcosa che non va.

Nonostante questo, nonostante la trama interessante e la narrazione fluida, ad un certo punto durante la lettura sono sorti in me alcuni dubbi e riguardano proprio la protagonista: Sarah.
Sarah è una psicologa che ha rinunciato al suo lavoro per dedicarsi alla carriera di scrittrice di libri gialli per bambini e narra in prima persona tutto ciò che accade. Dopo un'improvvisa tragedia  è costretta a cambiare casa, comincia a frequentare nuove persone del vicinato e continua a vedere anche le vecchie conoscenze.
Le mie perplessità sono sorte quando ho ripensato a Sarah che pur essendo una psicologa non riesce a vedere dettagli chiarissimi di malesseri emotivi presenti in alcune persone, sin dall'inizio del libro. Successivamente ha iniziato a percepire gli altri come delle scatole chiuse, una "psicologa" totalmente incapace di carpire qualsiasi dettaglio emotivo, microscopico o macroscopico che fosse. Nulla. Nulla del marito, nulla delle amiche, nulla di alcun vicino di casa o conoscente. 

Anzi a tratti paranoica e facilmente manipolabile, ovvero tutto ciò a cui una psicologa non dovrebbe cadere preda facilmente. Almeno credo, almeno spero.

Se non fosse stato per la protagonista, tutto sarebbe filato via liscio perché i personaggi che creano e arricchiscono la storia, sono tutti ben inseriti nel contesto e funzionano alla perfezione, almeno per i miei gusti.

Quindi la trama è promossa, la narrazione è coinvolgente, purtroppo non posso sorvolare sulla protagonista, per me, poco credibile tanto che avrei desiderato ogni tanto gridarle nelle orecchie di darsi una svegliata.  


xoxo Connor



E-book                             Libro
        


Foto by Connor


Disclaimer/Disclosure: Questo articolo è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.

2 commenti:

  1. Quando le cose non vanno bene con il protagonista (o la, in questo caso) è sempre un disastro ed è un ancora di più un peccato perchè sembra che tutto il resto andasse alla grande! :(
    Credo che questo lo passerò, almeno per il momento!

    RispondiElimina
  2. Esattamente! Il libro era gradevole ed il thriller che mi prendeva, di quelli che leggi in un giorno o poco più. Poi arriva la protagonista, e niente, manda tutto in malora. Ultimamente sembra che io soffra della "Maledizione della protagonista" >.<'

    RispondiElimina

Lasciate un commento o voi che passate ;)
I commenti sono la benzina del mio blog, sono liberi, sono gratis, non c'è bisogno di iscriversi e anche se mi lasciate solo un saluto, mi fate contenta :)

Post più popolari