Visualizzazione post con etichetta Pickwick. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Pickwick. Mostra tutti i post

martedì 13 giugno 2017

Stagioni Diverse - Recensione


Sinossi

"Un "quartetto" di racconti in bilico tra l'orrore e l'avventura, l'incubo e la fantasia. Il riscatto di un uomo condannato ingiustamente per omicidio. Il morboso rapporto tra un adolescente e un ex nazista. Quattro ragazzini alla ricerca del cadavere di un coetaneo. Una donna che partorisce in circostanze surreali. Quattro storie da brivido, agghiaccianti e paradossali, che hanno per protagonisti mostri moderni. Tre di questi racconti hanno ispirato i film Le ali della libertà, L'allievo e Stand by me."

Titolo: Stagioni Diverse
Autore: Stephen King
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 608 Pagine
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pickwick
Prezzo: 11,90 Euro
Tempo Di Lettura: 5 giorni

_______________________________

Racconti lunghi, romanzi, romanzi brevi, novelle: a questi scritti di Stephen King sono state date le più disparate etichette, ma a dire la verità, io credo che sia in questo caso una definizione puramente soggettiva, che va al di là degli standard di definizione.
Questo libro mi è stato regalato da F, che some già ho scritto parecchie volte, è un profondo conoscitore di Stephen King, e fino ad ora il libri di questo autore, che ha scelto per me, sono state sempre delle bellissime sorprese. 

Come già annunciato nella sinossi, da tre di questi racconti sono stati tratti altrettanti film di successo, e per quanto mi riguarda ho visto diversi anni fa al cinema "Le ali della libertà", un film bellissimo, come altrettanto bello è il racconto. 
Come negare che tutti i libri di King che ho letto fino ad ora siano estremamente cinematografici? Se ci penso, tutti potrebbero essere trasportati sul grande schermo, ed in effetti di film o serie TV ispirati sugli scritti di questo autore, ce ne sono a bizzeffe!

Ma torniamo al libro e ai quattro racconti di cui è composto e di cui ognuno rappresenta una stagione. Sono tutti profondamente diversi tra loro per stile, argomento e ambientazione, e tutti ambientati nel Maine. Non farò un riassunto di ognuno di questi, non avrebbe senso, vanno solamente letti ed amati.

Le storie raccontate si svolgono in periodi diversi e vanno dalla fine degli anni '40 agli anni '80, Stephen King ha la capacità di variare modo di scrittura e genere letterario con estrema fluidità, disegna i personaggi dedicandogli una figura psicologica e comportamentale molto approfondita che si svela ai lettori in modo naturale, mentre la lettura va avanti. Ci si ritrova catapultati nel carcere di Shawshank dove il povero Andy Dufresne, condannato ingiustamente per l'omicidio di due persone, non rinuncia alla vita e alla libertà, dono prezioso ed unico. Descrizioni crude della vita in carcere, descrizioni di personaggi che ruotano attorno a Dufresne ai quali non puoi non affezionarti e per le pagine per cui dura la lettura, entrano a far parte della vita e dei pensieri di chi legge.

Nel secondo racconto si incontra la morbosità, la deviazione, la violenza e l'orrore che sono inizialmente nascosti dietro la figura di un classico adolescente Americano dal sorriso luminoso e dai modi cortesi e un anziano signore che che viene dalla Germania. Vengono narrati pensieri e fatti raccapriccianti, del passato e del presente, vengono lentamente scoperti i tratti di figure sociopatiche. Descrizioni di azioni e pensieri che turbano profondamente, ma che trasportano il lettore in queste menti corrotte e li tiene intrappolati fino alla fine. 

"Il corpo (Stand by Me)" è il racconto che maggiormente ho apprezzato, è la storia di quattro adolescenti di Castle Rock, ognuno con le sua problematica famiglia, che iniziano questa avventura dai tratti a volte scabrosi. Un po' per la morbosa curiosità di vedere il corpo senza vita di un ragazzo, un po' perché vogliono provare a loro stessi che sono in grado di essere forti e di affrontare situazioni estreme che mettono a repentaglio la loro stessa vita. Si respira l'incoscienza della giovinezza, l'avventatezza tipica dei teenagers, i bulli violenti che colgono ogni occasione per sottometterli alle loro sevizie e fargli assaggiare per l'ennesima volta il sapore amaro della vita. 

A chiudere questa raccolta c'è un racconto che mi ha catturato per l'atmosfera misteriosa del club esclusivo di cui si racconta. Molto diverso da tutto quello che ho letto fino ad ora dell'autore, sicuramente di effetto minore rispetto ai precedenti e meravigliosi tre racconti.

Non voglio e non posso dire altro riguardo i particolari di questa raccolta per non togliere il gusto a tutti quelli che lo vorranno leggere, mi permetto solo di aggiungere che se qualcuno leggendo questo libro si pensasse di trovare horror puro, si sbaglia. La penna di Stephen King è dinamica, come avevo accennato prima, per cui di horror qui ci si trova ben poco, ma c'è l'orrore delle devianze morbose, della violenza dei sociopatici, la violenza della vita. Un libro che si spinge in strade diverse e in territori emozionali unici.

xoxo Connor

Acquista il libro su Amazon!

           

E-book               Cartaceo

Foto da qui

Disclaimer/Disclosure: Questo libro è stato regalato a Connor a scopo di uso personale.

giovedì 10 novembre 2016

Blaze - Recensione


Sinossi

"Clayton Blaisdell Jr., detto Blaze, è un gigante con il cervello di un bambino. E' sempre stato più un balordo che un delinquente, almeno finché non ha incontrato George Rackley, un furbo "con tutte le risposte". George infatti lo convince a mettere in atto un'idea geniale: rapire il figlio di una famiglia danarosa per chiedere il riscatto. Dopo aver elaborato il piano, i due entrano in azione: Blaze è il braccio, George la mente. C'è però un piccolo problema: George è morto tre mesi prima. Di chi  è allora la voce che risuona nella testa di Blaze, spingendolo su una strada di sangue?"

Titolo: Blaze
Autore: Stephen King (sotto lo pseudonimo di Richard Bachman)
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 364
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pickwick
Prezzo: 9,9 Euro
Tempo Di Lettura: 5 giorni

________________________________

Un romanzo scritto da Stephen King sotto lo pseudonimo di Richard Bachman, non saprei se inserirlo nel genere horror o nel thriller, o chissà. Alcuni libri di Stephen King hanno elementi che appartengono a tante categorie di libri, ma se mi venisse chiesto che genere sono , allora lì risponderei "è genere Stephen King". Ecco.

Questo libro narrato da una voce esterna, inizia nel momento in cui Blaze, il protagonista del libro, decide di mettere in atto il rapimento di un bambino, con una alternanza di flashback sotto forma di capitoli, viene raccontata nel corso del romanzo, tutta la vita di Clayton Blaisdell Jr., altrimenti detto Blaze.

Blaze dopo la morte del suo amico e complice George vive ormai solo, ma solo non si sente perché in realtà, nonostante George sia morto, la sua voce è sempre presente e lo consiglia (in bene o in male questo lo si scoprirà solo alla fine) sempre su cosa fare. Blaze ha bisogno di George, prende forza dalla sua "presenza" e con lui vicino si sente invincibile. 

Blaze non è un uomo cattivo, è un uomo nato buono, intelligente ed altruista, che il corso della vita ha cambiato, forgiato e rimodellato. Man mano che si viene a conoscenza della sua vita passata un po' di simpatia, anzi di pena per questo bestione si prova e si spera che la storia possa avere un epilogo diverso da quello che si tende ad immaginare. Più si va avanti con le pagine e più la storia diventa straziante, la descrizione dell'ottusità e della cattiveria degli abitanti del mondo indispettisce, ma ancora di piu' è disperante quando si prende coscienza del fatto che la colpa di Blaze è il non poter fare ragionamenti lucidi e normali.

Quindi se si parte dalla curiosità di sapere dove andrà a parare King con questo personaggio, si arriva poi al tormento di voler leggere una conclusione che stravolga tutto e in un certo senso che possa riportare tutto a posto, come era un tempo, un lieto fine magari un po' agrodolce, ma sempre un lieto fine. Se di lieto fine si può parlare nei romanzi Kinghiani.

Bel libro, da leggere senza pause!

xoxo Connor



Foto by Connor

Disclaimer/Disclosure: Questo libro è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.



Post più popolari