Visualizzazione post con etichetta Avventura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Avventura. Mostra tutti i post

martedì 13 giugno 2017

Stagioni Diverse - Recensione


Sinossi

"Un "quartetto" di racconti in bilico tra l'orrore e l'avventura, l'incubo e la fantasia. Il riscatto di un uomo condannato ingiustamente per omicidio. Il morboso rapporto tra un adolescente e un ex nazista. Quattro ragazzini alla ricerca del cadavere di un coetaneo. Una donna che partorisce in circostanze surreali. Quattro storie da brivido, agghiaccianti e paradossali, che hanno per protagonisti mostri moderni. Tre di questi racconti hanno ispirato i film Le ali della libertà, L'allievo e Stand by me."

Titolo: Stagioni Diverse
Autore: Stephen King
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 608 Pagine
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pickwick
Prezzo: 11,90 Euro
Tempo Di Lettura: 5 giorni

_______________________________

Racconti lunghi, romanzi, romanzi brevi, novelle: a questi scritti di Stephen King sono state date le più disparate etichette, ma a dire la verità, io credo che sia in questo caso una definizione puramente soggettiva, che va al di là degli standard di definizione.
Questo libro mi è stato regalato da F, che some già ho scritto parecchie volte, è un profondo conoscitore di Stephen King, e fino ad ora il libri di questo autore, che ha scelto per me, sono state sempre delle bellissime sorprese. 

Come già annunciato nella sinossi, da tre di questi racconti sono stati tratti altrettanti film di successo, e per quanto mi riguarda ho visto diversi anni fa al cinema "Le ali della libertà", un film bellissimo, come altrettanto bello è il racconto. 
Come negare che tutti i libri di King che ho letto fino ad ora siano estremamente cinematografici? Se ci penso, tutti potrebbero essere trasportati sul grande schermo, ed in effetti di film o serie TV ispirati sugli scritti di questo autore, ce ne sono a bizzeffe!

Ma torniamo al libro e ai quattro racconti di cui è composto e di cui ognuno rappresenta una stagione. Sono tutti profondamente diversi tra loro per stile, argomento e ambientazione, e tutti ambientati nel Maine. Non farò un riassunto di ognuno di questi, non avrebbe senso, vanno solamente letti ed amati.

Le storie raccontate si svolgono in periodi diversi e vanno dalla fine degli anni '40 agli anni '80, Stephen King ha la capacità di variare modo di scrittura e genere letterario con estrema fluidità, disegna i personaggi dedicandogli una figura psicologica e comportamentale molto approfondita che si svela ai lettori in modo naturale, mentre la lettura va avanti. Ci si ritrova catapultati nel carcere di Shawshank dove il povero Andy Dufresne, condannato ingiustamente per l'omicidio di due persone, non rinuncia alla vita e alla libertà, dono prezioso ed unico. Descrizioni crude della vita in carcere, descrizioni di personaggi che ruotano attorno a Dufresne ai quali non puoi non affezionarti e per le pagine per cui dura la lettura, entrano a far parte della vita e dei pensieri di chi legge.

Nel secondo racconto si incontra la morbosità, la deviazione, la violenza e l'orrore che sono inizialmente nascosti dietro la figura di un classico adolescente Americano dal sorriso luminoso e dai modi cortesi e un anziano signore che che viene dalla Germania. Vengono narrati pensieri e fatti raccapriccianti, del passato e del presente, vengono lentamente scoperti i tratti di figure sociopatiche. Descrizioni di azioni e pensieri che turbano profondamente, ma che trasportano il lettore in queste menti corrotte e li tiene intrappolati fino alla fine. 

"Il corpo (Stand by Me)" è il racconto che maggiormente ho apprezzato, è la storia di quattro adolescenti di Castle Rock, ognuno con le sua problematica famiglia, che iniziano questa avventura dai tratti a volte scabrosi. Un po' per la morbosa curiosità di vedere il corpo senza vita di un ragazzo, un po' perché vogliono provare a loro stessi che sono in grado di essere forti e di affrontare situazioni estreme che mettono a repentaglio la loro stessa vita. Si respira l'incoscienza della giovinezza, l'avventatezza tipica dei teenagers, i bulli violenti che colgono ogni occasione per sottometterli alle loro sevizie e fargli assaggiare per l'ennesima volta il sapore amaro della vita. 

A chiudere questa raccolta c'è un racconto che mi ha catturato per l'atmosfera misteriosa del club esclusivo di cui si racconta. Molto diverso da tutto quello che ho letto fino ad ora dell'autore, sicuramente di effetto minore rispetto ai precedenti e meravigliosi tre racconti.

Non voglio e non posso dire altro riguardo i particolari di questa raccolta per non togliere il gusto a tutti quelli che lo vorranno leggere, mi permetto solo di aggiungere che se qualcuno leggendo questo libro si pensasse di trovare horror puro, si sbaglia. La penna di Stephen King è dinamica, come avevo accennato prima, per cui di horror qui ci si trova ben poco, ma c'è l'orrore delle devianze morbose, della violenza dei sociopatici, la violenza della vita. Un libro che si spinge in strade diverse e in territori emozionali unici.

xoxo Connor

Acquista il libro su Amazon!

           

E-book               Cartaceo

Foto da qui

Disclaimer/Disclosure: Questo libro è stato regalato a Connor a scopo di uso personale.

giovedì 27 aprile 2017

Il Libro della Giungla - Recensione


Sinossi

"In una serata molto calda fra le colline di Seeonee, la quiete di una famiglia di lupi è interrotta da un arrivo inaspettato. Sfuggito dalle grinfie di Shere Kahn, la tigre zoppa uscita dal proprio territorio per andare a caccia di umani al confine della giungla, un cucciolo d'uomo si rifugia nella loro tana. Mowgli, accolto nel branco, crescerà nella giungla sotto le cure amorevoli di Baloo, l'Orso Bruno che gli insegnerà le Parole del Popolo della Giungla, e di Bagheera, la Pantera Nera. Ma Shere Kahn non smetterà mai di reclamare la sua preda. Dopo la deposizione di Akela, il capobranco, Mowgli sarà costretto a tornare nel mondo degli uomini, che però non comprenderanno l'abilità e la saggezza del bambino venuto dalla foresta. Dopo aver sferrato l'ultimo mirabolante attacco al nemico di sempre, Shere Kahn, Mowgli tornerà dai suoi amici per vivere e cacciare in libertà."

Titolo: Il Libro Della Giungla
Autore: Rudyard Kipling
Formato: e-book
Pagine: 154
Editore: Fanucci Editore (30 Giugno 2014)
Collana: Fanucci Editore Kids
Prezzo: 1,99 Euro
Tempo Di Lettura: 1 Giorno
________________________________

Per la sfida di lettura The Goose Reader CHallenge a cui sto partecipando, ho ricevuto come obiettivo quello di leggere un libro ambientato in India e dopo aver chiesto diversi consigli ho scelto questo classico che non avevo mai letto per intero.
Di solito di questo volume di Rudyard Kipling si leggono solamente i famosissimi racconti dedicati a Mowgli e ai suoi compagni d'avventura, resi indimenticabili grazie anche ai libretti e al film a cartone animato della Disney.
Ma il Libro Della Giungla non è solo questo, come anche potrebbe erroneamente far pensare la sinossi pubblicata dalla casa editrice, questo libro è molto di più. E' una raccolta di storie e canzoni ambientate in India (tranne una che è ambientata in tutti i mari), e raccontano avventure i cui protagonisti principalmente sono gli animali e ovviamente il caro Mowgli.

Tutti questi racconti sono delle piccole gemme che scaturiscono dalla fantasia dell'autore che ci narra con dovizia di particolari e attraverso i dialoghi degli animali con gli uomini o dei soli animali, tutti i modi di pensare, di agire, le abitudini e il modo di comportarsi di ogni specie. Si traccia sempre un confine netto tra mondo degli uomini e mondo degli animali, ma si viene sempre portati a fare un paragone tra ciò che fanno gli abitanti della Giungla e l'uomo.
Basta leggere il racconto "La caccia di Kaa" in cui si descrivono approfonditamente le abitudini e gli usi delle scimmie Bandar-log. Sono vane, sciocche, stupide, cattive e si credono gli esseri più furbi e più intelligenti del pianeta. Molti tratti in comune con gli esseri umani vero?

In questo libro l'uomo ha sempre un ruolo molto violento e irrispettoso nei confronti della natura e tende a volerla piegare sempre alla sua volontà, così come fa con gli animali. L'uomo appare come un essere avido ed ottuso, cattivo e senza pietà per natura.

Alcuni passi di questi racconti li ho trovati sinceramente estremamente crudi, per cui non lo considero una lettura adatta a ragazzi molto piccoli, sarà la mia sensibilità verso alcune descrizioni crude riguardo la violenza sugli e tra animali, ma se ne rimango colpita io, immagino che i ragazzini potrebbero esserne impressionati. Ma magari sono solo io che sono esagerata T.T'
Una lettura per chiunque abbia voglia di scoprire cosa c'è intorno al famoso Libro Della Giungla, un classico che credo sia obbligatorio leggere, una lettura veloce che vi porterà per un pomeriggio nel regno degli animali di Kipling.

xoxo Connor



Disclaimer/Disclosure: Questo articolo è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.

venerdì 23 dicembre 2016

La Mappa Dei Desideri - Recensione


Sinossi

"Chi possiede la Mappa dei Desideri può arrivare ovunque voglia. Per il momento però nessuno può servirsi dei suoi poteri, perché è stata divisa in brandelli: il primo, la Rosa dei Venti, appare all'improvviso nel parcheggio di un supermercato insieme a un'onda d'acqua solcata da un vascello di corsari, sotto lo sguardo incredulo della dodicenne Marrill. 
Intenta a inseguire il suo gatto, Marrill si trova catapultata nella Corrente Pirata, un mondo popolato da foreste parlanti, farfalle di spuma di mare e crostacei con le piume. Soltanto la mappa può ricondurla nel suo mondo.
E Marrill non è l'unica a cercarla: Fin, cresciuto nella Corrente Pirata, a dodici anni è già il Mestro dei Ladri grazie a un raro potere: chiunque lo incontri ben presto si dimentica di lui. Guidato da una misteriosa profezia, Fin vuole la mappa per ritrovare la madre scomparsa.
Quando i destini di Marrill e Fin incrociano la rotta di una ciurma di temibili pirati, la ricerca della mappa si trasforma in una questione di vita o di morte."

Titolo: La Mappa Dei Desideri
Serie: Map To Everywhere #1
Autore: Carrie Ryan/John Parker Davis
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 345
Editore: Mondadori (27 Ottobre 2015)
Collana: Oscar Bestsellers
Prezzo: 10,50
Tempo Di Lettura: 3 giorni
________________________________

Avevo questo libro ben accomodato nella mia libreria, lo avevo acquistato lo scorso anno un po' a scatola chiusa. Ero stata inizialmente colpita dalla copertina, così sono stata spinta a leggere la trama che è risultata molto interessante e l'ho acquistato subito.

Nel maggio del 2016 è uscito il secondo libro di questa serie, quando l'ho acquistato ero convinta fosse un autoconclusivo (ora che uso l'applicazione Goodreads anche sul cellulare questi "dettagli" non mi sfuggono più!).

Veniamo al libro. E' stata una lettura confortevole e coinvolgente, era tanto che non mi immergevo in un libro d'avventura, e confesso che è stato molto divertente! Sì il libro appartiene alla categoria dei libri di avventura fantasy per ragazzi, ma diciamocelo, a chi non piace leggere i libri per ragazzi?

La storia inizia raccontando di Marrill, questa ragazzine dodicenne che dopo aver sempre vissuto in giro per il mondo con i genitori e il gatto Karnelius, è costretta, almeno per il momento, a mettere radici in Arizona, a causa di un grave problema di salute della mamma. Un giorno è fuori a passeggiare con il suo Karnelius e all'improvviso vede il mondo iniziare a trasformarsi e grazie alla Corrente Pirata, davanti ai suoi occhi appare una grande nave di legno con sopra quelli che si presentano come Coll il capitano e Ardent un grande mago. Da quel momento queste quattro figure inizieranno un viaggio in un altro mondo, alla ricerca dei frammenti della Mappa dei Desideri per riportare Marrill a casa e trovare e raggiungere persone che cercano per diversi motivi.
Presto Marrill conoscerà Fin, un suo coetaneo, Maestro dei Ladri, che è alla ricerca di sua madre. Fin si è sempre sentito solo perché lui non se lo ricorda mi nessuno, è una persona che non ha amici, non può averne, perché chiunque parli con lui, dopo anche solo qualche minuto, se lo dimentica. Ma Marrill no, lei lo incontra e non se lo dimentica, questo è un fatto eccezionale per Fin! Finalmente qualcuno che può riconoscerlo e magari diventargli amico!

Una grande avventura che attraverso le pagine di questo libro ci porta a conoscere dei mondi fantastici, pericolosi ed incantati. La ricerca dei vari pezzi della Mappa porterà i personaggi in esplorazioni e viaggi che non si fermano mai, conosceremo navi di ferro, oracoli impazziti che parlano di assurde profezie e della fine dei tempi, foreste che sussurrano e mondi ghiacciati.

Questo è un libro che parla anche di amicizia e lealtà che saranno i cardini attorno ai quali ruota tutto ciò che lavora per il bene, per mantenere o per portare le cose nel giusto equilibrio. L'apparenza spesso inganna, ma la lealtà infine ripaga sempre qualsiasi sacrificio si è disposti a fare per onorarla e per essere leali.

xoxo Connor




Foto by Connor


Disclaimer/Disclosure: Questo libro è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.

Post più popolari