11 febbraio 2018

L'Isola Del Tesoro - Recensione

l'isola del tesoro

Trama

"Trovata la mappa del tesoro del famoso capitano Flint, il giovane Jim Hawkins organizza con il dottor Livesey e il nobile Trelawney la spedizione verso l'isola indicata, a bordo dell'Hispaniola."

Titolo: L'Isola Del Tesoro
Autore: Robert Louis Stevenson
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 287
Editore: Feltrinelli
Collana: Universale Economica. I Classici
Prezzo: 9 Euro
Tempo Di Lettura: 3 giorni
cinque stelle




________________________________

Qualcuno ha detto Pirati Dei Caraibi? Con tutto il rispetto, ma dimenticateveli. 
L'Isola Del Tesoro scritto nel 1883, è il primo romanzo di Stevenson, qui è dove tutto ha inizio, dove ci sono i veri pirati che bevono litri di rum e di acquavite, dove si racconta di isole del tesoro e di mappe con su le X rosse che segnano dove è sepolto il tesoro nascosto, di capitani, di marinai, di viaggi avventurosi ai limiti della fantasia, di leggende e mari tanto meravigliosi quanto tremendi.

Un libro che di solito si legge da bambini, ma che non è mai troppo tardi per leggere o rileggere, come è successo a me; tuffarmi nuovamente tra le pagine di questa avventura, che avevo quasi completamente dimenticato, è stato un viaggio meraviglioso che consiglio di vivere a tutti.

L'avventura inizia a terra, con le storie dei pirati alla locanda Ammiraglio Benbow, poi sulla bellissima nave Hispaniola in compagnia del piccolo Jim Hawkins, del capitano Smollett, del conte Trelawney, del dottor Livesey, di Long John Silver e di tutto l'equipaggio, alla ricerca dell'isola del tesoro.

Un libro nelle cui storie è bellissimo perdersi e tornare ragazzi, una narrazione dallo stile semplice, ma molto suggestiva e sempre coinvolgente, capace di evocare colori, suoni, voci e odori far vivere il lettore nelle pagine del romanzo.


xoxo Connor




E-book                              Libro
        


Foto by Connor


Disclaimer/Disclosure: Questo articolo è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.


3 commenti:

  1. Quando avrò finito Black Sails - che in fondo è un po' una sorta di prequel - andrò a recuperarlo. Dovrei poi averne una vecchia copia che mi era stata regalata dalla zia di mia madre tanti anni fa.

    RispondiElimina
  2. La prima volta che l'ho letto, da ragazzina, per la scuola, un po' mi avevano inquietato le figure di quei pirati. Ma era proprio quello lo scopo. E' un bellissimo libro d'avventura, un classico che è sempre attuale leggere. Bella recensione e bella edizione questa della Feltrinelli!

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con te per averlo inserito tra le migliori letture del 2018. Però per me è più una lettura estiva, di quelle che ti fai sognando mari ed isole esotiche incontaminate di un tempo andato.

    RispondiElimina

Lasciate un commento o voi che passate ;)
I commenti sono la benzina del mio blog, sono liberi, sono gratis, non c'è bisogno di iscriversi e anche se mi lasciate solo un saluto, mi fate contenta :)

Post più popolari